Recycled Claim Standard (RCS), certifica prodotti ottenuti da materiali da riciclo e convalida il contenuto di materiali da riciclo.


Cosa si certifica

Il Recycled Claim Standard (RCS) è sviluppato da Textile Exchange, una delle più importanti organizzazione non-profit che promuovono a livello internazionale lo sviluppo responsabile e sostenibile nel settore tessile.

Con questo standard, Textile Exchange intende valorizzare l’impiego di materiali da riciclo per favorire un modello di produzione e consumo sostenibile che punta alla riduzione del consumo di risorse (materie prime vergini, acqua ed energia).

Il RCS fornisce una dichiarazione ambientale verificata da parte terza che comprova il contenuto di materiali da riciclo dei prodotti (sia intermedi che finiti).

Possono essere certificati RCS tutti i prodotti che siano composti per almeno il 5% da materiali da riciclo pre-consumo e post-consumo.

I criteri del RCS si estendono unicamente alle seguenti aree:

  • composizione del prodotto e contenuto di materiali da riciclo;
  • mantenimento della tracciabilità lungo l’intero processo produttivo in accordo ai criteri fissati dal Content Claim Standard (CCS) che è parte integrante dello standard RCS.

Fasi che non richiedono la certificazione:

  • Raccolta di rifiuti
  • Cernita, selezione, raggruppamento
  • Verifica casuale; auto dichiarazione

Fasi che rientrano nella certificazione:

  • Riciclo dei materiali
  • Ogni processo manifatturiero attraverso il quale il materiale riciclato viene impiegato per realizzare prodotti intermedi (ad esempio: filati e tessuti) o prodotti finiti destinati al consumatore
  • Commercializzazione dei prodotti RCS
  • Intero processo di Certificazione RCS

Come si certifica

L’iter di certificazione si articola in 3 fasi:

  1. Valutazione iniziale dei prodotti e del processo produttivo, che prevede tra l’altro la valutazione della composizione dei prodotti per i quali è richiesta la certificazione, nonché della conformità di materie prime e fornitori.
  2. Verifica ispettiva in situ, la quale è volta ad accertare: l’effettiva conformità dei prodotti ai criteri RCS; la corretta organizzazione e gestione dei processi di fabbricazione e delle procedure interne suscettibili di compromettere la conformità del prodotto stesso; il mantenimento della catena di custodia in modo da assicurare che il materiale riciclato sia correttamente identificato al fine di evitare problemi di confusione e/o sostituzione con altri materiali.
  3. Emissione del Certificato di Conformità sulla base delle informazioni e dei dati raccolti nell’ambito del processo di valutazione e verifica.

Documenti e allegati

Guida alla certificazione Richiesta di preventivo

 


 

Contattaci